COMUNICATO STAMPA | SOI Società oftalmologica italiana
English Site Sito Italiano
News
Per il Medico Oculista
Per il Cittadino




 


 


 
Iscriviti a SOI

Visualizza le modalità di rinnovo della quota associativa

Assistenza del Medico Anestesista

Elenco dei Centri Chirurgici che prevedono l'assunzione in carico del paziente da parte del medico anestesista (in aggiornamento)[scarica elenco]

Richiedi il Patrocinio SOI

SOI intende incoraggiare gli eventi che promuovano il benessere visivo nel paese. Per richiedere il Patrocinio SOI, è indispensabile presentare le proposte almeno 4 mesi prima dell'evento. [read more]

CERSOI
Certificazione Qualità

Specializzata nel settore oftalmologico, CERSOI certifica la qualità del medico oculista. [read more]

Il Sindacato ASMOOI

ASMOOI è l'Associazione Sindacale dei Medici Oculisti e Ortottisti italiani, nata per rappresentare gli interessi della categoria professionale degli oculisti e ortottisti.[read more]

INDEXOfta

Il portale degli eventi Oftalmologici Italiani[read more]



COMUNICATO STAMPA
17 dicembre 2015

LINEE GUIDA SOI SULLA CATARATTA: L’IMPEGNO DEGLI OCULISTI ITALIANI NEL RISPETTO DEGLI INTERESSI DEI PAZIENTI E DELLA LEGALITÀ.

La  Società Oftalmologica Italiana responsabilmente sostiene il diritto costituzionale dei 750.000 cittadini italiani, che ogni anno si sottopongono ad un intervento chirurgico agli occhi, perché venga loro garantita l’ assistenza da parte dei medici anestesisti.

Siamo in un momento molto difficile per la Sanità italiana in cui è essenziale che ogni categoria professionale riaffermi con forza – sia in senso ontologico che deontologico – il rispetto del proprio esistere professionale per scienza e competenza.

In tale prospettiva, risulta quanto meno curioso l’ articolo pubblicato su QS(clicca qui) per cui gli anestesisti “prenderebbero le distanze” dalle linee guida SOI sulla cataratta.

Sinceramente, l’argomento trattato è talmente elementare che chiunque comprende la fondatezza delle poche disposizioni contenute nelle linee guida SOI in materia di anestesia. Eppure le varie sigle rappresentanti la specialità si stupiscono e sottolineano, evidenziandole in “giallo” frasi come “presa in carico del paziente da parte del medico anestesista”; “erogazione e firma del consenso informato”, “valutazione anestesiologica” e la relativa precisazione: “Le condizioni cliniche sistemiche del paziente da sottoporre a intervento di cataratta sono sotto la diretta responsabilità del medico anestesista che prenderà in carico il paziente sino alla sua dimissione. La scelta tra anestesia locale (topica o infiltrativa) e generale dipende dalle condizioni fisiche e mentali del paziente e deve essere definita in base alle necessità e preferenze del paziente, del chirurgo e dell’anestesista”.  O ancora, stupirsi che, nell’ambito post-operatorio, si preveda la necessità di procedere al: “a) controllo delle condizioni generali del paziente al termine dell’intervento da parte del medico anestesista b) verifica dell’assenza di segni e sintomi dovuti all’anestesia del medico anestesista”.

La sedazione del paziente è compito proprio (ed esclusivo) dell’anestesista. Lui deve “prendere in carico” il paziente che si sottopone all’intervento di cataratta e decidere se, in base alla propria (esclusiva) esperienza professionale, questo può essere adeguatamente sedato mediante la c.d. anestesia topica o se, invece, è necessario predisporre forme di anestesia diverse.

Questo è il compito dell’anestesista. Lo prevede la legge. Anzi: la legge lo riserva esclusivamente agli specializzati in anestesia. Cosi è.

Affermare che, ogni tipo di paziente – indifferentemente dalle sue caratteristiche – debba essere sottoposto alla sola anestesia topica o, peggio ancora, rimettere ogni decisione all’oculista, significa, da un lato, mettere il paziente in pericolo e dall’altro, spogliarsi delle proprie responsabilità. Responsabilità, peraltro (evidentemente giova ricordarlo) attribuite all’anestesista per legge in esclusiva.

Lo prevede la legge ed è un diritto del cittadino avere un anestesista che lo assista quando si sottopone ad un intervento chirurgico: compreso quello di cataratta. Pensarla diversamente non significa “prendere le distanze” dalle linee guida SOI ma “prendere le distanze” dal rispetto della propria professionalità.

Fare l’anestesista è una professione complessa che richiede una formazione specifica e che deve essere rispettata e qualificata all’interno delle strutture pubbliche e private di questo Paese. Farne a meno solo per carenze di struttura o, peggio ancora, per mere ragioni di risparmio economico non solo risulta giuridicamente illecito nei confronti del paziente, ma è anche degradante nei confronti della specialità.

Per tali ragioni, a tutela del rispetto delle professionalità mediche coinvolte (ivi compresi gli anestesisti) e della salute dei pazienti, da anni la Società Oftalmologica Italiana ha preso posizione anche sulle linee guida per l’operazione di cataratta. D’altronde da 150 anni la SOI è la Società Scientifica che rappresenta tutti gli oculisti italiani, in Italia e all’estero, ed è la voce scientificamente più rilevante per definire le regole poste a fondamento di un determinato atto chirurgico oftalmologico: chiaramente coinvolgendo i rappresentati delle principali società monotematiche chirurgiche.

Una presa di posizione essenziale anche per evitare che singoli professionisti o piccole e marginali realtà associative possano apoditticamente sostenere opinioni fondate su personalismi individuali o avallare procedure e o protocolli finalizzati solo al risparmio economico: scelte infondate che espongono i pazienti a rischi inutili, scaricando le eventuali conseguenze dannose direttamente sui singoli professionisti coinvolti.

Occorre battersi affinché ci siano strutture adeguate alle necessità : se gli anestesisti lotteranno per il rispetto della loro specialità, gli oculisti saranno con loro insieme ai cittadini e ai pazienti.

Per buona memoria, alleghiamo le linee guida SOI - AAROI del 2010 e le linee guida SOI sulla chirurgia della cataratta 2015 visto che quelle a cui è stato fatto riferimento nell’articolo scritto dai rappresentanti dei medici anestesisti sono documenti datati e non aggiornati.

 

  Teresio Avitabile                        Matteo Piovella  
Segretario SOI                           Presidente SOI






[Back]